+ 39 091580909
  •  

Descrizione

Percorso intenso per caratteristiche e bellezza. Questo cammino è viaggio e meditazione al contempo: da fare con noi stessi per riscoprirci e riscoprire la natura che ci circonda.   Partendo da Ragusa, davanti l’ex convento dei Francescani in direzione del più bel presepe di Sicilia, Ragusa Ibla, e poi giù dentro Cava Misericordia. Qui avrete sotto gli occhi la storia del territorio, disseminato di ruderi di antichi mulini. L’asperità del fondo stradale sarà niente al cospetto della bellezza della Natura e delle sue sorprese. Salendo faticosamente dai meandri della Terra, pedalerete in mezzo alle splendide campagne ragusane fino a un bel promontorio che guarda Comiso e Vittoria. Siete già partiti con la testa e volete saperne di più? Ecco qualche dettaglio per dipingere ciò che state già abbozzando con l’immaginazione. Come anticipato, questo itinerario parte da Ragusa, definite dagli scrittori come “l’isola nell’isola” o “l’altra Sicilia”. Si parte dall’ex convento dei Francescani in prossimità della parrocchia “Angelo Custode”: qui nel 1953 venne istituito il convento dei Frati Minori Conventuali che restò aperto fino al 2015. Il nostro cammino prenderà il via da questo punto in direzione Ragusa Ibla e successivamente ci dirigeremo in direzione di cava Misericordia. Ibla è la parte inferiore della cittadina: risorta sulle rovine dell’antica citta originaria, secondo l’antico impianto medioevale, dopo il devastante terremoto del 1693. È una delle meraviglie di Sicilia, con le sue botteghe, i suoi palazzi e le sue chiese barocche conosciuti in tutto il mondo, i suoi sapori e i suoi scorci che, negli ultimi anni, hanno preso fisionomia grazie ai racconti di Camilleri e alle vicende di Montalbano sul piccolo schermo. Dopo una breve discesa, giunti alla stazione ferroviaria di Ibla (ora divenuta un ristorante) ci si dirige -come dicevamo- verso Cava Misericordia. La strada è in salita, in alcuni tratti molto dura, ma la fatica verrà ricompensata dal panorama che si aprirà davanti a noi. Si sale e si scende all’interno della cava e saranno diverse le testimonianze del passato affascinante del territorio: diversi ruderi conquistati ormai dalla natura dirompente sono adagiati nel fondovalle, sono ciò che resta dei numerosi mulini un tempo presenti. L’ultima parte del nostro tragitto, usciti dalla cava, ci riserva la bellezza delle campagne del Ragusano: i muretti a secco e gli sguardi dei tanti animali da pascolo ci faranno compagnia fino a quasi alla fine del percorso. Ma le emozioni non sono finite. Dopo aver superato la Provinciale, ed esserci immessi su una strada interpoderale il paesaggio si farà più ampio e di fronte a noi vedremo Comiso e Vittoria. Pedalare qui sarà un incanto: distese di campagne assolate emanano l’odore dell’estate siciliana, impietosa ma profumata. Come cavalieri erranti su cavalli a due ruote, la nostra avventura procederà affrontando un piccolo guado, facilmente attraversabile (è anche possibile che -impavidi- dovremo portare la bici in spalla per non più di cinquanta metri: lo stretto necessario per attraversare il letto del fiume su una pietraia e arrivare sulla strada asfaltata). Manca poco all’arrivo a Chiaramonte Gulfi, città dell’olio ma anche dei musei. Chiaramonte è una piccola cittadina adagiata su di un promontorio: le sue stradine ben tenute e i suoi scorci vi ipnotizzeranno. Se deciderete di approfondire la vostra visita, ricordate di contattare la pro-loco: promuove ben otto tra musei e mostre permanenti, presso le quali potremo ammirare cimeli storico militari, oggetti liberty e scoprire come una volta si produceva l’olio. La nostra meta è vicina: il convento di Santa Maria di Gesù, alla fine di una scalinata, e a seguire l’arco dell’Annunziata che porta dell’antica città con la chiesa di San Giovanni e la sua meravigliosa balconata vi regaleranno una vista eccezionale sui tetti della città nuova e le campagne ragusane fino al mare. Sulla Chiesa di San Giovanni, la croce presente in cima alla facciata richiama lo stemma dei cavalieri di Malta: da qui nelle serate di cielo sereno lo sguardo vola fino all’isola di Malta e alle sue luci.


Map of the tour


Tour Details

Servizi
  • Molto Impegnativo
  • in bici

Length
32 km.

Altitude difference
972 m

Duration
7 ore