Camminatore

Da S. Teresa Riva a Savoca

DESCRIZIONE

Su e giù, con il mare sotto gli occhi. Una passeggiata affascinante che vi porterà in cima, verso il convento di Savoca, arroccato in uno dei borghi più belli d’Italia, partendo da Santa Teresa Riva, la cui spiaggia e il mare hanno ottenuto negli anni sempre più riconoscimenti per limpidezza e pulizia. Tanti ingredienti che rendono unica questa ricetta tutta siciliana, miracolosa per i camminatori: geologia, natura, storia, spiritualità e panorami mozzafiato che vi regaleranno emozioni uniche. Gli odori degli agrumeti, il fruscio dell’Agrò, la maestosità dell’Etna e il blu dello Ionio, saranno i vostri fedeli e impareggiabili compagni sul sentiero che -con un po’ di fantasia- vi trasformerà, passo dopo passo, in pellegrini medioevali, vivendo un’esperienza autentica e indimenticabile. Un territorio ricco di boschi, fiumi, ruscelli, colline e rocce che raccontano il paesaggio. Savoca, anche chiamata “paese dalle sette facce” è nota per il clima mite, la posizione geografica, l’aria e l’acqua purissima. Raggiunto il convento particolare interesse ricoprono le catacombe ubicate sotto il seicentesco Convento dei Padri Cappuccini (per visitare il complesso conventuale occorre contattare preliminarmente il partner locale). Si tratta della sepoltura di corpi mummificati di alcuni notabili dell’antica terra di Savoca. Il luogo, dalle sembianze ancestrali, ebbe grande rilevanza culturale nella storia delle comunità limitrofe, costituendo il punto di riferimento per la formazione letterarie, umanistica e e giuridica di coloro i quali avevano la possibilità di studiare. La chiesa annessa al maestoso edificio del convento, è dedicata a San Francesco d’Assisi, al suo interno racchiude varie opere di grande pregio artistico e storico. La cripta dei cappuccini realizzata agli inizi del Seicento nei sotterranei della chiesa del convento e dell’antistante piazzetta, racchiude trentasette cadaveri mummificati appartenenti a patrizi, notai, possidenti, monaci, abati, medici, poeti, magistrati, una nobildonna e tre bambini, tutti appartenenti alla ricca e potente aristocrazia savocese. Il posto con la sua aura magica e spirituale ha suscitato, nel corso del XX secolo, l’interesse di molti illustri scrittori, come Leonardo Sciascia e Mario Praz. Lungo il tracciato da visitare il Museo Storico Etnoantropologico (sito in via San Michele), perché offre -a coloro i quali avranno la ventura di ammirarlo- la possibilità di apprezzare usi e costumi delle popolazioni locali che hanno animato il territorio nel corso del tempo. Cultura popolare e storia medievale sono i binari di un tracciato che vi farà scoprire una Sicilia unica e irredimibile: passo dopo passo sarete stregati da una carrellata di immagini che confondono sogno e realtà.

INFO E CONSIGLI
– Consigliabili calzature “mid” o alte e abbigliamento a strati da utilizzare in funzione delle diverse temperature lungo il percorso.
– È un itinerario percorribile in ogni periodo dell’anno, prestando attenzione ai periodi di precipitazioni che, in località Botte, possono dare origine a corsi di deflusso delle acque.
– Nei mesi estivi evitare di mettersi in marcia nelle ore più calde.
– Non dimenticate di portare con voi un power bank o di noleggiarlo presso il partner locale. La carica del vostro smartphone si potrebbe rivelare insufficiente.
– E’ possibile noleggiare binocoli e bastoncini da trekking contattando il partner locale

VALENZE PRINCIPALI

Elevata valenza paesaggistica, storica, naturalistica, spirituale

SERVIZI PER I TREKKER

TREK BED
Convento Cappuccini Savoca/Associazione S. Damiano, Savoca
Casa di mare Barabba, S. Teresa Riva


ESERCIZI DI RISTORAZIONE
Ristorante del Parco, Savoca
Ristorante Gelsonero, Savoca
Terramacina, Savoca


NOLEGGIO POWER BANK E DOTAZIONI TREKKING
Ass. “San Damiano” – Convento Cappuccini, Savoca


TRASPORTO BAGAGLI / RECUPERO PERSONE
I trek bed ospitanti


AZIENDE DI PRODOTTI TIPICI
Az. Agricola Terramacina, Savoca